Vespa Club Valeggio Sul Mincio

Loc. Nadalini 2, 37067, Valeggio sul Mincio, VR

valeggiosulmincio@vespaclubditalia.it

  • YouTube
  • Facebook
  • Instagram

© 2016 by Studio Tecnico Guidara. Proudly created with Wix.com

lo Statuto del Vespa Club Valeggio

Atto Costitutivo e Statuto Vespa Club Valeggio sul Mincio (VR)

 

Il giorno 01.02.2013 in Valeggio sul Mincio si costituisce l'Associazione sportiva dilettantistica denominata “Vespa Club Valeggio s/M” regolata dai seguenti articoli:

Art. 1 – Disposizioni generali

E’ costituito in Valeggio sul Mincio (VR), con sede in Loc. Nadalini, n. 2, il " Vespa Club Valeggio s/M", una associazione di promozione sociale e sportiva senza scopo di lucro, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile, che riunisce persone di ogni ceto sociale e luogo di provenienza, simpatizzanti di motocicli, che hanno in comune una comunicativa di amichevole convivenza pacifica.

Art. 2 – Natura e caratteristiche

L’Associazione “Vespa Club Valeggio s/M” è un ente non commerciale senza scopo di lucro con carattere apolitico.

I proventi dell’attività non possono, in nessun caso, essere divisi fra gli associati, anche in forma indiretta, e l’eventuale avanzo di gestione dovrà essere reinvestito a favore dell’attività istituzionale prevista dal presente Statuto.

Art. 3 – Scopo

L’Associazione ha come scopo la promozione dell'attività vespistica, nonché turistica, culturale, sportiva, ricreativa ecc., curando gli interessi generali del motociclismo a favore degli associati e di terzi.

Art. 4 – Associati

Chiunque può associarsi in qualunque momento purché condivida gli scopi, facendo richiesta scritta all’Associazione. Gli associati si distinguono in soci dirigenti e soci ordinari. I soci dirigenti possono essere nominati nel Consiglio Direttivo. Ogni socio ha diritto di voto in sede assembleare ed ha diritto a presentare proposte, richieste, reclami al Consiglio Direttivo. Gli associati si impegnano a partecipare attivamente all’attività dell’Associazione ed a osservarne lo Statuto. La qualifica di socio dirigente e ordinario si perde: a) per dimissioni; b) radiazione a causa di azioni ostacolanti il buon funzionamento dell’Associazione; c) per morosità. La radiazione viene decisa dal Consiglio Direttivo.

Art. 5 – Quota associativa

Il pagamento della quota associativa, deve essere fatto annualmente entro e non oltre il 31 marzo dell'anno in corso.

Art. 6 – Patrimonio

Il Patrimonio dell’Associazione è costituito:

- dalle quote d'iscrizione da versarsi all’atto dell’iscrizione;

- dai contributi annui ordinari;

- da eventuali contributi straordinari;

- da contributi di pubbliche amministrazioni, enti locali, istituti di credito, enti in genere;

- da sovvenzioni, donazioni o lasciti di terzi o associati.

- In via del tutto marginale e limitatamente agli scopi istituzionali dell’ente, in concomitanza con manifestazioni sportive, conviviali e ricreative organizzate dalla stessa, l’Associazione può svolgere attività di somministrazione di alimenti e bevande a favore dei propri soci e simpatizzanti, vendere gadget pubblicitari, nonché ricevere contributi per sponsorizzazioni.

Art. 7 – Affiliazioni

L'Associazione può aderire ad organismi consimili e/o federali nella forma e nella maniera deliberata dal Consigli Direttivo.

Art. 8 – Assemblea dei soci

L’Assemblea dei soci è l’organo sovrano dell’Associazione ed elegge i componenti del Consiglio Direttivo.

L’assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo e viene convocata dallo stesso Presidente mediante comunicazione scritta ai soci inviata per posta ordinaria, fax, posta elettronica, sms.

L’Assemblea delibera, in prima convocazione, con il voto favorevole del cinquanta per cento più uno dei soci effettivi in essere ed, in seconda convocazione, con il voto favorevole del cinquanta per cento più uno dei soci effettivi presenti alla seduta. L’Assemblea si riunisce sempre in seduta ordinaria, salvo quanto disposto dall’Art. 15.

Almeno una volta all’anno, l’Assemblea dei soci si riunisce per l’approvazione del bilancio consuntivo e preventivo.

Il Presidente è tenuto a convocare l’Assemblea dei soci qualora ne facciano richiesta motivata almeno il 30% dei soci effettivi con l’indicazione dell'ordine del giorno.

Art. 9 – Esercizio sociale

L’esercizio sociale inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

Il bilancio consuntivo deve essere predisposto dal Consiglio Direttivo e deve essere approvato dall’Assemblea dei soci entro il quarto mese successivo a quello dell’anno di riferimento, salvo proroghe straordinarie.

Art. 10 – Diritto di voto dei soci

Ogni socio ha diritto ad un solo voto in Assemblea. Per poter esercitare il proprio diritto di voto, il socio deve partecipare all’Associazione da almeno tre mesi ed essere in regola con il pagamento del contributo associativo.

Art. 11 – Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo è formato da un minimo di cinque ad un massimo di undici persone e viene nominato dall’Assemblea dei soci.

I nominativi di eventuali candidati a cariche nel Consiglio Direttivo devono pervenire all’Associazione almeno 15 giorni prima della data di adunanza dell’assemblea dei soci fissata per le votazioni. La data delle votazioni deve essere resa nota almeno 30 giorni prima della data stessa a mezzo di posta ordinaria, fax, posta elettronica, sms.

Nel caso in cui nessun socio si sia candidato per la carica direttiva entro i 15 giorni previsti, verrà confermato, e per la stessa durata, il Consiglio Direttivo uscente.

Il Consiglio Direttivo delibera a maggioranza assoluta dei membri in carica.

Art. 12 – Composizione del Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo elegge al suo interno il suo Presidente, il Vice – Presidente, il Segretario ed un Tesoriere. Ciascun membro del Consiglio Direttivo dura in carica due anni ed è rieleggibile. Qualora un consigliere dovesse assentarsi a tre sedute consecutive senza giustificato motivo, viene automaticamente considerato decaduto dall'incarico. La sostituzione avviene per surroga con la nomina del primo dei votati non eletti, fintantoché non si riunisce l’Assemblea dei soci.

Art. 13 – Funzioni del Presidente e del Tesoriere

Il Presidente ha la rappresentanza legale dell’Associazione ed a lui spetta l’esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea o del Consiglio Direttivo. In caso di assenza o impedimento del Presidente, questi viene sostituito – anche nella rappresentanza dell’Associazione, - dal Vice – Presidente.

Il Tesoriere detiene il fondo cassa per le spese ordinarie e/o urgenti. Sia per le spese ordinarie che per quelle urgenti potrà disporre del fondo cassa senza alcuna delibera del Consiglio Direttivo al quale dovrà relazionare alla prima riunione. La funzione di Tesoriere è compatibile con quella di Presidente.

Art. 14 – Tenuta della contabilità

La gestione amministrativa e finanziaria dell’Associazione è tenuta dal Segretario e controllata da ciascun consigliere. Il rendiconto economico - finanziario della gestione dell’Associazione sarà a disposizione dei soci che ne faranno richiesta.

Art. 15 – Scioglimento

Lo scioglimento dell’Associazione deve essere deliberato dall’Assemblea dei soci a maggioranza assoluta appositamente convocata e validamente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno l’ottanta per cento dei soci effettivi, ed in seconda convocazione con almeno il cinquanta per cento più uno dei soci effettivi. La messa in liquidazione dell’Associazione deve essere discussa dal Consiglio Direttivo quando ne pervenga domanda sottoscritta, da almeno il cinquanta per cento più uno dei soci effettivi. In caso di scioglimento dell’Associazione, l'assemblea che ne accerta lo scioglimento delibera in merito alla liquidazione del patrimonio. In caso di scioglimento, il patrimonio residuo dopo la liquidazione, dovrà essere devoluto a fini di utilità sociale.

Art. 16 – Disposizioni conclusive

Di propria iniziativa o con voto favorevole della metà più uno dei soci, il Consiglio Direttivo propone eventuali modifiche. Il progetto di modifica deve essere portato a conoscenza dei soci prima della riunione. Per le modifiche è necessario che alla riunione partecipino almeno il 30 % dei soci e che si abbiano almeno la metà più uno dei voti favorevoli

Il presente Statuto è stato approvato dall’Assemblea dei soci del “Vespa Club Valeggio sul Mincio il 01,02,2013